Call to Action: Un albero per ogni bambino

arrow_forward

AMBIENTIAMO-2020

arrow_forward

RIPULITECI L’ARIA

arrow_forward

CALENDARIO EVENTI M5S VARESE

Non ci sono eventi per i prossimi giorni

Intervista SOIL e impianti a rischio 21-6-2017

Roberto Cenci Intervista SOIL e impianti a rischio 21-6-2017

Giornata Mondiale dell'Ambiente - Roberto Cenci

Programma Varese "R.E.S.P.I.R.A."

view_module reorder

Programma "Respira"

Linee Guida del Programma  2016-2021 la nostra città ha solo bisogno di un nuovo...

access_time 10:41AM 08 Settembre 2015

Ridurre le tasse ai virtuosi

La riduzione delle tasse è forse l’aspettativa  più gettonata e condivisa da parte...

access_time 10:52PM 03 Settembre 2015

Eco Sostenibilità

E come Eco-sostenibilità ambientale: edilizia, urbanistica e mobilità Le iniziative eco-sostenibili sono quelle che...

access_time 03:51AM 31 Gennaio 2016

Solidarietà sociale

Il lavoro e la sua massima diffusione determina la qualità ed il grado...

access_time 08:58PM 30 Gennaio 2016

Partecipazione

Pcome Partecipazione dei cittadini alla vita pubblica Il cittadino deve poter accedere attivamente alla...

access_time 09:58PM 30 Gennaio 2016

Istituzione del Reddito di Cittadinanza …

I   come… istituzione del Reddito di Cittadinanza Municipale. Nessuno deve rimanere in dietro L’esistenza di...

access_time 10:59PM 30 Gennaio 2016

Rifiuti Zero

R   come… Rifiuti Zero- obiettivo 80% RD. La riduzione della quantità dei rifiuti solidi...

access_time 08:59PM 30 Gennaio 2016

Acqua Pubblica

A   come… AcquaPubblica - obiettivo 50 Lit/giorno per tutti Cittadini Virtuosi L'acqua come l'aria...

access_time 10:00PM 30 Gennaio 2016

Banchetto in Piazza Podestà

 Registrazioni chiuse
 
9
Categoria
Banchetti
Data
2020-09-12 14:31 - 19:00
Luogo
Piazza del Podestà Varese - Piazza del Podestà
21100 Varese VA, Italia
Numero di posti
100
Posti disponibili
91

Un appuntamento importantissimo che attende i cittadini italiani il 20 e 21 settembre: andiamo a votare al referendum e votiamo SI. Con il taglio di 345 poltrone di deputati e senatori possiamo rendere più efficiente il Parlamento.

Dopo anni di impegno del MoVimento 5 Stelle dentro e fuori le istituzioni possiamo finalmente realizzare una riforma di cui la politica parla da decenni ma che nessuno aveva voluto mettere in pratica. Tra i politici sono molti quelli che si stanno schierando, più o meno velatamente, per il NO al taglio del numero dei parlamentari e per conservare lo status quo (con i relativi costi per le casse pubbliche).

Stanno raccontando che con la riduzione del numero dei parlamentari verrebbe indebolito il principio di rappresentanza. FALSO. 

A fare queste affermazioni sono gli stessi politici che nei loro partiti contano tra le proprie file il più alto numero di parlamentari assenteisti. Persone che alla Camera o al Senato si vedono solo ogni tanto e ancora meno nei territori in cui sono stati eletti. Altro che rappresentanza popolare!

Ci stanno dicendo che l’Italia diventerebbe il paese europeo con il minor numero di parlamentari. FALSO. 

Basandoci sui parlamentari eletti dal popolo, infatti, oggi in Italia abbiamo 945 rappresentanti eletti per 60 milioni abitanti. In Germania il Bundestag ha 709 rappresentanti eletti per 83 milioni di abitanti. In Francia l’Assemblea nazionale ha 577 membri eletti per 67 milioni di abitanti. Nel Regno Unito la Camera dei Comuni ha 650 componenti eletti per 66 milioni di abitanti. In Spagna ci sono 558 parlamentari eletti per 47 milioni di abitanti.

Insomma, già in termini assoluti emerge chiaramente come l’Italia oggi abbia il maggior numero di parlamentari eletti. Ma è soprattutto in proporzione che spicca come l’Italia sia in cima alla lista:

1)  Italia: 1 eletto ogni 63 mila abitanti

2)  Spagna: 1 eletto ogni 84 mila abitanti

3)  Regno Unito: 1 eletto ogni 101 mila abitanti

4)  Francia: 1 eletto ogni 116 mila abitanti

5)  Germania: 1 eletto ogni 117 mila abitanti

Con il sì al referendum, e la conseguente riduzione a 600 parlamentari, il rapporto dell’Italia si avvicinerebbe a quello di Regno Unito, Francia e Germania, ovvero 1 eletto ogni 100 mila abitanti. 

Ci stanno dicendo che i risparmi resi possibili da questa riforma sarebbero ben poca cosa rispetto al bilancio dello Stato. Ma questo è un ragionamento da burocrati, di persone lontane anni luce dal Paese reale. Il bilancio dello Stato, infatti, è enorme: supera gli 800 miliardi di euro e non può certo essere un valido termine di riferimento, a meno che non lo si faccia in modo del tutto fuorviante e strumentale.

Risparmiare 300 mila euro al giorno, cioè 100 milioni l’anno, per un totale di quasi mezzo miliardo a legislatura, non è un dettaglio e non lo è in particolare in un momento di crisi come quello che stiamo tutti attraversando. Il taglio di quei costi non rappresenta solo un risparmio, ma risponde a un’esigenza reale della democrazia italiana: essere sempre più vicina ai cittadini e questo può avvenire anche attraverso la riduzione netta di spese che non determinano alcun valore aggiunto, non corrispondono ad alcuna utilità sociale e non hanno pari nel resto del mondo. Per questo ci battiamo per la riduzione del numero di parlamentari: per dare a questo Paese istituzioni più efficienti, più sobrie, più vicine ai bisogni dei cittadini. Per questa ragione c’è bisogno del contributo di tutti, anche del tuo!

 
 

Altre date

  • 2020-09-12 14:31 - 19:00
  • 2018-09-08 15:30

Lista Partecipanti

Anonimo (1)
Anonimo (1)
Anonimo (4)
Anonimo (1)
Anonimo (1)
antonio (1)